Come il giorno e la notte *Romanzo*

Da oggi disponibile il romanzo “Come il giorno e la notte”, vincitore del Premio Montag 2020

Ringrazio l’editore per questa bellissima opportunità

Per leggere l’intervista:

FRANCESCA ERRIU DI TUCCI, VINCITRICE DEL PREMIO MONTAG–NARRATIVA, UNA VOCE CHE PARLA DI ADOLESCENZA, CRESCITA, AMICIZIA.

Anni Ottanta. Vincenzo ha sedici anni e decide di fuggire dalla casa famiglia dove è in cura per disturbi psichici. Una fuga in treno in cerca di una libertà come solo gli adolescenti possono sognare, e col desiderio di ritrovare Tomas, il ragazzo conosciuto mesi prima. L’incontro tra i due – Vin introverso e preciso; Tom ribelle e orgoglioso – sfocerà in un rapporto problematico che li farà avvicinare sempre più, decisi a inseguire i sogni, a loro rischio e pericolo.

COME IL GIORNO E LA NOTTE

Pubblicato in Stories * Poesie e Canzoni | Lascia un commento

**Dalla Stella alla Terra** From Star to Earth*

star couple

 

Dalla Stella alla Terra

(from Star to Earth we are missing parts)

 

Rivedendo me in morbida luce

Ti scordavi di te e non avevi pace

Tu che invece anelavi

A tutto ciò che è sacro e non celebrato

E senza veli danzavi

per il sommo suo capo.

 

Ti chinavi al cospetto del tuo dio

Senza sapere che ero soltanto io

Quello a cui credevi

e che veneravi.

 

Così noi siamo i viaggiatori

Dalla Stella alla Terra e poi ritorno

Nella nostra sintonia di cuori

Che sentiremo battere ogni giorno.

(F.E.)

 

*From Star to Earth*

Seeing me again in the soft light

You forgot yourself

And peace could not find.

And you simply craved

All that’s sacred and not displayed

You danced with no veils

For the highest of heads.

 

You bowed in front of your god

But didn’t know that I was

The one you believed in

And that you much esteemed.

 

Then we are the travellers

From Star to Earth and return

In the syntony of our hearts

And each day we’ll hear them

Beat and start.

(F.E.)

 

Pubblicato in Stories * Poesie e Canzoni | Contrassegnato | Lascia un commento

Canzoni d’Inverno *Recensione*

Consigli di lettura:

CANZONI D’INVERNO di Christian Floris (Ed.Cuec)

Preparatevi a entrare nella vita di Claudio come se fosse un vostro amico, preparatevi a sentire le canzoni che sente lui mentre guida la sua Volskwagen, preparatevi a soffrire e gioire con lui. Perché è questo che riesce a fare Christian Floris, con la sua scrittura coinvolgente, con una semplice narrazione in prima persona al presente che ci fa entrare direttamente nella storia. A partire da un incipit molto azzeccato che grazie al flashforward ti porta a proseguire inesorabilmente.

I capitoli si succedono quasi come stazioni della via crucis, in cui il trentatreenne protagonista vive le sue ansie quotidiane alla ricerca di un lavoro e anche dell’amore. Una vita comunque molto piena e circondata da amici e personaggi importanti: i genitori e il fratello Michele, i compagni della band musicale, le ragazze con cui è stato, il professore giocatore di scacchi. Tutti personaggi che hanno un ruolo significativo nella storia e che portano l’autore a dilungarsi molto (forse a volte troppo, per i meno esperti) nelle descrizioni musicali e nelle partite di scacchi assai dettagliate.

I momenti di leggerezza e riflessione non mancano, nella crisi esistenziale e nei ricordi del protagonista e dei suoi studi, come in questo passaggio che rievoca in ognuno di noi memorie degli esami universitari:

“Mi chiamano dopo un’ora e mezza. Non mi capita quello buono, mi tocca la leccaculo biondina e un po’ stronzetta, faccia da sottosegretario alla cultura, frangetta fuori moda e foulard di seta al collo. Sta seduta dall’altra parte della cattedra perché ha saputo districarsi alla perfezione nella giungla delle raccomandazioni. Difficoltà medio-alta, lo so. Non ho ancora poggiato il libretto sulla cattedra, che già incalza col fuoco di fila delle domande.”

Ogni capitolo è una canzone, tra sentiti omaggi (a Tenco e Vasco Rossi tra gli altri), colloqui di lavoro al limite dell’umiliazione (“Eh, l’inglese è importante”) passando per monologhi interiori che ricordano il Dj di Radiofreccia, fino a passeggiate che ti conducono per mano nella bella città di Cagliari (anche la mia città), il protagonista giunge man mano a quella scelta che ne determinerà il destino. Può un animo puro e tendenzialmente onesto cedere alla tentazione?

Complimenti all’autore, sicuramente da seguire.

F.E.

Pubblicato in Cinema Musica e Libri | Lascia un commento

Mend your brain

I’m here to

Understand your pain

To soft your hair

To mend your brain

f.e.

Pubblicato in Stories * Poesie e Canzoni | Contrassegnato | Lascia un commento

*Recensioni* Il tumulo degli orrori

*Il tumulo degli orrori*

di Stefania Prati e Alessio Monni

  • Il nostro horror quotidiano *

Sentivate la mancanza del brivido prima di andare a dormire? Volevate provare ancora le sensazioni che avete provato quando avete letto per la prima volta (magari di nascosto, come me) i racconti di Edgar Allan Poe? Allora preparatevi, perché la lettura di questa raccolta horror vi regalerà tante emozioni.

Non si tratta di puri e semplici racconti horror – sebbene gli autori attingano molto dai classici, a partire da Lovecraft – ma di una visione horror moderna della nostra società attuale, delle sofferenze inflitte dall’uomo alle altre creature, degli incubi che ognuno di noi almeno una volta ha vissuto o temuto di vivere.

La modernità è evidente sin da subito in questi racconti dove troviamo sì mostri ma mostri che rappresentano soprattutto ciò che noi stessi abbiamo fatto al mondo, in particolare negli ultimi secoli. Mostri di plastica, che ormai copre tutto e tutti, mostri di alberi sofferenti a causa nostra, coniglietti che mangiano bambini. In “Muta esistenza” ad esempio, dove la paura/attrazione per il silenzio si manifesta in scene di stampo Lynchiano. Alberi ricoperti di petrolio e cuori estirpati dal terreno, che ci fanno pensare al dramma della deforestazione. Un’ironia tagliente caratterizza alcuni racconti come “Un’ordinaria giornata di plastica” e “Suicide Station” con i vari tentativi di suicidio.

Piccolo capolavoro l’ultimo della lista, “L’emporio delle paure”, dove le paure più recondite (e meno note) non ci daranno tregua.

Per concludere, è una raccolta che descrive alla perfezione i tempi attuali, l’indifferenza dell’uomo di fronte alla sofferenza di altre creature o alla morte di un suo simile, un monito che lascia poche speranze a un’umanità in declino. Da leggere non solo se amate il genere ma anche per riflettere sul nostro horror quotidiano.

Nota: Da segnalare anche il canale youtube collegato alla raccolta: Zombie Readers, dove potete trovare letture audio molto accurate e che vi incuteranno vero terrore!

https://www.youtube.com/channel/UCLaotXbXyYyy9p8DH09sAdA

Pubblicato in Cinema Musica e Libri | Lascia un commento

Edward

È scontato
Che piaccia l’estate
È scontato
Adorare gatti
È scontato
Amare la pizza
E se tutto questo non fai
Edward mani di forbice sarai

f.e.

Io sono
Una lugubre stella
Diamante spezzato
Come luna calante
Prendo il tuo sembiante
Io sono
Il colore del suono
La tua voce suadente.

F.E.

Pubblicato in Stories * Poesie e Canzoni | Contrassegnato | Lascia un commento

*Recensioni* Autori emergenti

LE CAMPANE DI SAN PIETROBURGO

DI JESSICA MARCHIONNE

WORDS EDIZIONI

Il pregio di questo libro – tra i tanti – è quello di essere riuscito a farsi apprezzare anche da chi, come me, non legge solitamente il genere storico/fantastico. Ma questo romanzo di Jessica Marchionne, frutto di uno studio accuratissimo, unisce realismo storico e realismo magico in maniera davvero efficace, impreziosito poi dallo stile narrativo che cattura sin dalla prima pagina.

Ambientato nella Russia di Lenin e Stalin, ha per protagonista Viktor che, ancora bambino, riceve in dono dal fratello Ivan un diario, a suo dire, capace di realizzare tutto quello che vi viene scritto: è così che esprime il desiderio di diventare Zar. Da qui ha inizio una serie di eventi (che non svelerò per non rovinare le sorprese) che intrecciano vari personaggi e avvenimenti storici, in diverse linee temporali. Molto ben costruita la struttura, nel narrare due storie in due parti diverse, e congegnata in modo da far tornare tutti gli elementi a dare senso alla storia. Affascinante l’ambientazione, con descrizioni accurate e quasi da fiaba d’altri tempi.

C’è un forte simbolismo infatti presente in tutto il libro, e la guerra da sfondo che ci riporta ahimè ai giorni nostri. Insomma un libro consigliato non solo ai grandi ma anche ai ragazzi, perché possano conoscere un periodo storico importante e leggere una storia emozionante.

f.e.

(Dalla stella alla terra)

Pubblicato in Cinema Musica e Libri | Lascia un commento

Neo Kamasutra *Rivista Malpelo n.6*

Online il N.6 della Rivista Malpelo 🌟
Racconti e poesie in sintonia con le temperature hot 🔥


A cura di Demetrio Salvi – Undicesima Copia


Il mio racconto è ispirato a “El amante menguante” di Pedro Almodovar
Buone letture!

su Amazon: https://www.amazon.it/NEO-KAMASUTRA-Malpelo-n-rivista-letteraria/dp/B0B7QP8RQT/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&crid=1MXWFH9UCNUH2&keywords=malpelo+rivista&qid=1659451285&sprefix=malpelo+rivist%2Caps%2C245&sr=8-1

Pubblicato in Cinema Musica e Libri | Lascia un commento

Venni alla luce io

Venni per prima io
Prima delle parole
Venni di notte io
Notte piena di ardore
Venni alla luce io
All’alba di un altro sole.

F.E.

***

Si spinge
Si dà il massimo
Si raggiunge
Si muore.

F.E.

Pubblicato in Stories * Poesie e Canzoni | Contrassegnato | Lascia un commento

Segnalazione speciale: “Come il giorno e la notte”, Francesca Erriu Di Tucci

Grazie a Serena Barsottelli per la segnalazione nel suo blog! (Vi consiglio di dare un’occhiata ai suoi articoli e testi *__*

Serena Barsottelli



Segnalazione speciale per il romanzo “Come il giorno e la notte” di Francesca Erriu Di Tucci. Presto, vi anticipo, potrete leggere anche la mia recensione su questo libro che mi ha subito profondamente colpita.


Quarta di copertina di “Come il giorno e la notte”, Francesca Erriu Di Tucci

Anni Ottanta. Vincenzo ha sedici anni e decide di fuggire dalla casa famiglia dove è in cura per disturbi psichici. Una fuga in treno in cerca di una libertà come solo gli adolescenti possono sognare, e col desiderio di ritrovare Tomas, il ragazzo conosciuto mesi prima. L’incontro tra i due – Vin introverso e preciso; Tom ribelle e orgoglioso – sfocerà in un rapporto problematico che li farà avvicinare sempre più, decisi a inseguire i sogni, a loro rischio e pericolo.


Ascolta l’incipit di “Come il giorno e la notte”


“Come il giorno e la notte” in tre parole

Se…

View original post 219 altre parole

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

*Il vampiro e i suoi simboli*

*Il Vampiro e i suoi simboli*

Viaggio da Dracula di Stoker al vampiro ultramoderno

Dall’analisi del personaggio letterario si passa a quella delle creature cinematografiche, cercando di capire perché il cinema abbia subìto sin dai suoi esordi la fascinazione del vampiro, dai capolavori espressionisti a Coppola. Particolare risalto viene dato alle figure femminili (Lucy e Mina) protagoniste dell’opera letteraria e alle loro mutazioni sulla scena cinematografica. Viene ampiamente trattata la simbologia del vampiro, ad esempio la rappresentazione del sangue come metafora di malattia e contagio; inoltre, la simbologia (meno evidente) dell’elemento acqua sia nel romanzo che ne cinema. Elemento strettamente collegato al viaggio, altro motivo portante di Dracula. Un viaggio in cui si imbarcherà anche il lettore, insieme ai personaggi.

Ora disponibile nelle librerie online*

Ebook + cartaceo anche con copertina rigida

🌟
🌗
Pubblicato in Cinema Musica e Libri | Lascia un commento

Bambolina

Non aspettarti da me
Cose facili
Non scrivo per anime semplici
Non mi butto sul tuo morbido letto
Per adulare il tuo manoscritto

Non mi chieder di tessere lodi
Se poi tessendo mi viene l’affanno
Se la beffa poi supera il danno
E ti vendi per qualche sterlina
Non sono la tua bambolina.

F.E.

*Art by Margaret Keane*

Pubblicato in Stories * Poesie e Canzoni | Contrassegnato | Lascia un commento