*Recensioni di fine anno* Racconti e Poesie

Tra i libri di Racconti e Poesie di emergenti letti negli ultimi mesi segnalo:

Passanti di Andrea Mitri

Candeggina di Veronica Chiossi

Helliween di Elisa Mantovani

PASSANTI

Inutile usare mezzi termini per questi racconti di Andrea Mitri, perché sono per me semplicemente superbi. Contengono quel tanto di surreale e grottesco che io adoro, tanto da sembrarmi piccoli quadri di Magritte. Scorrono come opere d’arte in un museo, uno dopo l’altro e mai ripetitivi. A volte pirandelliani, a volte intrisi di nostalgia e pieni di ricordi dolci e amari, il passato va e viene come onde, trasportando a riva la memoria. Ai limite dell’assurdo “Erba, sassi, odori di campo”, un piccolo capolavoro di immaginazione e di scrittura. Commovente “L’insegna”, geniale “Passanti”, dove la morte coglie nel modo più imprevisto possibile. L’Epilogo è la ciliegina sulla torta, in sostanza un inno alla scrittura e alle storie. Un atto d’amore che non potete farvi mancare. E noi siamo soltanto “fiori che nessuno raccoglie”.

CANDEGGINA

Queste poesie sono folate di vento ma anche raffiche di mitra, non lasciano respiro, per gustarle è necessario immergersi con bombola di ossigeno nelle loro profondità, e dopo non vorrete risalire. L’autrice apre la porta dei suoi ricordi, il mondo del passato italiano (siciliano anzi) che si fonde magicamente con il presente americano, che fa pensare a E. Lee Masters. Molto interessante l’idea del testo a fronte, con la possibilità di leggere sia l’originale inglese che la traduzione.
Antico e moderno, convenzionale e anticonvenzionale, si alternano in poesie dense e piene di vita – ma anche di morte, come “Le mani di Angela”, persone la cui anima emerge nuda in pochi versi.
Le descrizioni sono vivide, le città hanno un cuore – Venezia, New York, Los Angeles – si viaggia e si osservano i paesaggi mentre “l’alba mi taglia in due”. L’uso sapiente delle parole ci lascia immaginare, assaporare, fino a sognare di dormire “con sconosciuti simmetrici”.

HELLIWEEN

“Nutrite l’anima, perché la fame la trasforma in una belva che divora cose che non tollera e da cui resta avvelenata. Amici miei, saggio è nutrire l’anima, per non allevarvi draghi e diavoli in seno”. Parto da questa importante citazione di Jung perché è proprio il consiglio che i personaggi di questa raccolta di racconti (nonché molti esseri umani) non hanno seguito nella loro vita. Allevando così draghi e diavoli in sé.
Qui non si parla di male in generale, non c’è qualcuno che salva qualcun altro, perché spesso vittime e carnefici coincidono nell’abisso delle nostre menti. Non aspettatevi uno spiraglio di speranza, perché in questi racconti non c’è: la malvagità è ovunque, in ogni luogo (fisico e non fisico), la paura è dentro i personaggi e raggiunge subitamente il lettore.
Oltre alla festività di Halloween (come da titolo), non vengono risparmiate altre feste – come ad esempio San Valentino – che diventano macabre ricorrenze, emblema di ipocrisia, invidie e follia. Anche Babbo Natale non è esente da questa follia, e i bambini sono i più malvagi vendicatori. Grazie alle descrizioni e alle battute sferzanti, il torno e il ritmo dei racconti sono efficaci e raggiungono livelli di alta paura. Menzione speciale merita per me “Una madre nella nebbia”, un vero e proprio quadro “ai confini della realtà”.
Vorrei approfittare anche per esprimere l’importanza dello scrivere e leggere racconti (da buona divoratrice adolescenziale di Edgar Allan Poe and co.), perché secondi molti i racconti “tolgono” in un certo senso o sono troppo “scarni” rispetto a un romanzo. In realtà togliere “ciò che non serve” è più difficile che aggiungere, dire tutto in poco spazio è un gran lavoro. Che Elisa sa certamente fare.

Informazioni su beatrix72

Come tutte le anime in viaggio, a un certo punto ho sentito di dover mettere insieme tutto ciò che scrivevo o percepivo da tempo. Così è nato questo blog, dove in particolare trascrivo i messaggi dei miei contatti con le Stelle (Beatrix di Sirio). Questi sono raccolti nella categoria “Esseri senza tempo“. Nelle altre categorie troverete: i miei scritti narrativi – come racconti, poesie e canzoni (“Stories“) articoli sull’arte, musica e consigli su libri o film (“Cinema e libri“) articoli sulle pratiche olistiche del mio lavoro, come il Reiki e i Registri Akashici (“Guarigione/Healing“) In questo blog uso il nome di Beatrix, uno dei miei contatti di Esseri senza tempo (di cui parlerò in un articolo). Se vuoi scrivermi fuori dal blog la mia mail è zetazeta72@gmail.com Ti invito a visitare anche la pagina Facebook: https://www.facebook.com/ALTernativa-Reiki-Quantum-1380445245610719/
Questa voce è stata pubblicata in Cinema Musica e Libri. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...