Amori Fantastici

Expressamore
 In genere era puntuale. Salvo qualche sciopero ovviamente, o se capitava un incidente…in quel caso non passava nessuno tutto il giorno. Ma in genere spaccava il minuto, su quello non aveva dubbi, ed era sempre pronta ad accoglierlo. Pronta a fremere al suo arrivo. Il suo passaggio era come un tornado, l’amore era breve ma in un istante la sua forza bruta la faceva tremare e barcollare, lasciandola ancora stordita quando se ne andava, così com’era venuto – non per niente lo chiamavano il Rapido! Per fortuna lei si riprendeva in fretta, era abituata a quella furia, e si preparava ad accogliere un altro treno, con cui l’avrebbe senz’altro tradito.
Intro
A volte quando capita mi prendi con dolcezza, in certi periodi succede anche tutti i giorni, ma in altri molto meno e mi lasci in un angolo a far le ragnatele! Per fortuna quando mi tocchi so che per un po’ sarò felice, certo i preliminari spesso sono lunghi ma l’importante è trovare un accordo. E allora inizia una lunga sessione, beh, tra Stairway to Heaven e Highway to Hell è difficile la scelta, ma poi decidi e io sorrido: paradiso o inferno è uguale quando sono con te. Godo il più possibile di quell’armonia, perché so che durerà il tempo di una o due canzoni. Ma è bello che dove finiscono le mie corde debbano in qualche modo cominciare le tue dita.
Effetti collaterali
 La porta del laboratorio era aperta. Entrò dopo aver indossato la tuta termica,per sopportare l’altissima temperatura. Come ogni giorno,passò in rassegna gli uomini di fuoco, ognuno nella sua camera ipotermica;ormai erano rimasti in pochi,gli ultimi sopravvissuti al surriscaldamento globale del pianeta. Davanti a uno di loro si fermò,riconoscendo gli occhi dell’uomo che amava;il fuoco lo avvolgeva ormai in ogni parte del corpo. La dottoressa sapeva che gli restava poco da vivere. Aprì la porta della camera ipotermica,cosa che non avrebbe dovuto fare; si tolse la tuta protettiva,altra cosa che non avrebbe dovuto fare. Poi si avvicinò all’uomo di fuoco,e dopo averlo guardato, lo toccò – e anche questo no, non l’avrebbe dovuto fare. E quando l’inserviente entrò per pulire, trovò la tuta per terra,e accanto soltanto un mucchio di cenere dorata, come i capelli della dottoressa. Raccogliendo quei resti pensò tristemente “Ecco, non ha tenuto conto degli effetti collaterali”.
(Testi di Francesca Erriu Enrew, 2017)
uomodonna1

Informazioni su beatrix72

Come tutte le anime in viaggio, a un certo punto ho sentito di dover mettere insieme tutto ciò che scrivevo o percepivo da tempo. Così è nato questo blog, dove in particolare trascrivo i messaggi dei miei contatti con le Stelle (Beatrix di Sirio). Questi sono raccolti nella categoria “Esseri senza tempo“. Nelle altre categorie troverete: i miei scritti narrativi – come racconti, poesie e canzoni (“Stories“) articoli sull’arte, musica e consigli su libri o film (“Cinema e libri“) progetti in corso come ad esempio il romanzo “Come il giorno e la notte” (in “Romanzo“) articoli sulle pratiche olistiche del mio lavoro, come il Reiki e i Registri Akashici (“Guarigione/Healing“) Mi chiamo Francesca Erriu Enrew Sono Master Reiki e Trainer in percorsi olistici In questo blog uso il nome di Beatrix, uno dei miei contatti di Esseri senza tempo (di cui parlerò in un articolo). Se vuoi scrivermi fuori dal blog la mia mail è zetazeta72@gmail.com Ti invito a visitare anche la mia pagina Facebook https://www.facebook.com/ALTernativa-Reiki-Quantum-1380445245610719/
Questa voce è stata pubblicata in Stories e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...