Chi ha paura del diverso? *The Elephant Man*

Eleph01

Sono tantissimi i film che ci restano impressi per le immagini o per la storia narrata, che ci colpiscono nel profondo lasciandoci un ricordo indelebile, soprattutto se la prima volta li abbiamo visti quando eravamo molto giovani oppure in un momento particolare della nostra vita. In genere sono film forti che non lasciano spazio a momenti sdolcinati  e che ci consegnano un messaggio che per noi sarà sempre legato a quel film. Come l’ Attimo Fuggente ci ha impresso il suo “carpe diem” così questo film ci lascia quella frase pronunciata dal protagonista John Merrick:

“La gente ha paura di ciò che non riesce a capire…”

Il deforme John Merrick viene scoperto dal Dottor Treves durante uno spettacolo di strada gestito dal malvagio Bytes. Merrick presenta numerose deformazioni in gran parte del corpo, soprattutto nel capo per via della sua Sindrome di Proteo, tanto da venire soprannominato L’uomo elefante. Nell’incipit del film viene raccontato, in maniera quasi fiabesca, che la madre era stata assalita da un elefante mentre aspettava il bambino.

Per non essere deriso quando cammina in mezzo alla gente comune, Merrick indossa in testa un sacco bucato cucito ad un cappello, in modo tale da coprire in parte le deformità del viso e della testa. Bytes si ritiene il proprietario di Merrick, tanto che vuol essere pagato per cederlo al Dr. Treves, che per un breve periodo lo porta al suo ospedale per esporre la sua fisicità ai colleghi. Appena Merrick fa ritorno dal suo “proprietario”, il quale è in stato di ebbrezza, questi lo picchia violentemente. Treves giunge in aiuto del povero uomo e lo riporta in ospedale per tenerlo in cura e se possibile aiutarlo.

Questo è l’inizio del film, dove il regista ci porta sapientemente dentro la storia – tratta da alcuni libri – con il punto di vista del Dottor Treves, un giovanissimo Anthony Hopkins.  Di grande forza proprio la scena in cui il medico vede per la prima volta il povero deforme, e ne è talmente colpito da commuoversi. Come se da lui arrivasse la sofferenza dello stato in cui si trova, degli occhi di chi costantemente lo deride, dell’essere ritenuto stupido e inetto solo per il suo aspetto.

Certamente il dottor Treves si commuove dunque di fronte all’aspetto orripilante dell’Uomo Elefante ma da medico si pone anche domande etiche: forse anche lui, nel prendersi cura del malato John Merrick, si doveva considerare alla stessa stregua di chi, approfittando del suo aspetto, ne faceva un fenomeno da baraccone? È vero che il Dr Treves è attratto dal suo paziente per interesse scientifico, ma in ogni caso sarà grazie al suo aiuto se John Merrick, nonostante la sua deformazione, riuscirà a vivere in una pseudo-normalità in cui verrà accettato per le sue qualità di uomo. Ma se nella scena finale di Elephant Man il diverso raggiungerà l’agognata normalità riuscendo a coricarsi in un letto come tutti gli altri, questo raggiungimento non è concesso ad altri diversi.  Ad esempio Dracula: mostro da sempre, egli sarà per sempre diverso, fino alla morte, quando finalmente troverà la pace interiore “in un mondo che l’ha dipinto come mostro senza nemmeno tentare di comprenderne la vera essenza”.

Eccellente interpretazione – nomination agli Oscar per John Hurt, scomparso nel 2015 – e primo film di David Lynch di cui mi innamorai (il suo secondo, dopo Eraserhead). Fino a seguirlo nelle sue strade perdute.

 

elephant_man

 

Informazioni su beatrix72

Mi chiamo Francesca Erriu Enrew Sono Master Reiki e Trainer in percorsi olistici In questo blog uso il nome di Beatrix, uno dei miei contatti di esseri senza tempo (di cui parlerò in un articolo). Nata a Cagliari, dopo gli studi si trasferisce a Roma per iniziare il suo percorso di “ricerca interiore”. Qui approda a varie esperienze, frequentando gruppi di pratica Sciamanica e di Neo-paganesimo. Fino all’incontro con il Reiki, che apre le porte al suo futuro come insegnante e formatrice in percorsi olistici. Frequentando i corsi presso l’Università Popolare Olistica Natural-Mente di Roma (diretta dalla Trainer e Master Reiki Lucia Panniglia), acquisisce il titolo di Master Reiki e inizia ad insegnare la disciplina. Tiene inoltre gruppi di meditazione e di serate esperienziali volte alla conoscenza del sé per un percorso di consapevolezza e di guarigione. Nel contempo, inizia il suo percorso con un nuovo tipo di guarigione, il Quantum Healing – o Guarigione Quantica – basato sulle scoperte di studiosi russi (come Grabovoi e Petrov). Dopo il corso suddiviso in tre livelli, arricchita dalle varie esperienze acquisite, diventa Trainer in Quantum Healing. L’interesse dalla Sardegna rispetto questa nuova guarigione è forte, tanto da convincerla – insieme ad altri fattori – a tornare nella sua terra per proseguire il suo percorso di ricerca e insegnamento. Il suo percorso comprende: Master Reiki metodo Usui Trainer in Quantum Healing Percorsi di neo-paganesimo e sciamanesimo Lettura dei Registri Akashici Se vuoi scrivermi fuori dal blog la mia mail è zetazeta72@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Cinema e Libri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...